Loading...

IN

Sì a un abito particolarmente curato anche dietro. La sposa mostrerà infatti le spalle durante tutta la cerimonia.

Sì a un velo di abbronzatura in estate, ma No ad un effetto troppo marcato.

Sì a guanti, velo e stola da togliersi rigorosamente durante il rinfresco.

Sì allo smalto trasparente o leggermente madreperlato.

Sì al tight sempre abbottonato anche per testimoni , i padri e i fratelli, ma se la sposa è in lungo.

Sì al collo di camicia rigido e ripiegato se la camicia è a plastron.

Sì alla gardenia o al garofano bianco all’occhiello del tight.

Sì allo sposo e ai parenti di lui a destra della chiesa.

Sì ad accessori piccoli e preziosi. Ammessi orecchini con brillantino (uno per lobo) o a piccola perla.

Sì alle mani libere da anelli. Servirà a valorizzare la fede nuziale. La sposa potrà poi durante il ricevimento indossare sull’anulare destro l’anello di fidanzamento.

Sì a una sottilissima collana di perle o un girocollo in oro bianco con brillante.

OUT

No ai guanti durante la cerimonia: vanno posati sull’inginocchiatoio in chiesa o su una sedia in municipio.

No ad orecchini pendenti o ad anello.

No a scollature profonde nell’abito da sposa.

No alla borsa durante la cerimonia.

No agli occhiali da vista. Le lenti a contatto usa e getta possono agilmente sostituirli anche per un solo giorno. Cominciate a provare ad indossarle qualche settimana prima della cerimonia.

No ai tacchi troppo alti. Ricordate che dovrete stare in piedi tutto il giorno.

No a strascichi e veli troppo lunghi se non ci sono damigelle.

No al velo in Municipio.

No ad unghie ad artiglio e dipinte di colore rosso.

No allo smoking.

No ai guanti e cilindro indossati durante la cerimonia: vanno tenuti in mano.

No al tight per una cerimonia dopo le 18. Meglio, in quel caso, il frac.

No ai calzini corti e chiari.

No a catene in vista, orecchini e anelli per lo sposo o a braccialetti “etnici”.

No alla barba incolta.

No al taglio della cravatta dello sposo.